La morte congelata

|, Racconti|La morte congelata

La morte congelata

Come per tutte le mie visite a domicilio, arrivo, fermo la macchina e prendo la borsa dove c’è tutto quello che serve per fare che l’altro stia bene.

Suono il citofono e, in questo caso, una moglie quando capisce chi sono mi apre il portone di casa.

Cosa c’è di strano? Dal fondo delle scale vedo questa porta aperta a metà che mi lascia intravedere una casa e una moglie che mi aspettano.

La moglie dietro la porta è una moglie pittata, ben vestita e piena di amorevoli cure verso il marito.

Varco la porta e nella camera da letto c’è lui, eccolo, lui e il suo sorriso… lui mi accoglie sempre con un sorriso. È il mio paziente e come tutti i miei pazienti è il mio paziente preferito.

Mi accoglie con amore, ma quell’amore è una piccolissima parte in confronto a quell’amore che sento scintillare tra loro. È proprio questo amore che scintilla tra loro e che li ha fatti stare insieme una vita che non permette a lei di lasciarlo andare.

Si dico bene lei non vuole che lui vada, lei non vuole che lui soffra, ma non vuole che lui vada via da questa vita lasciandola sola.

Lo cura in modo impeccabile, fa tutto quello che faccio io quando non ci sono… non vuole la mia presenza quotidiana perché vuole del tempo da passare con suo marito.

Strani? Boh… ogni famiglia a suo modo è “strana” anche la mia lo è. Io so che sono belli, belli nel loro amore che, senza giudizio, sembra essere per lei un po’ possessivo, ma è amore!

Un amore che io immagino come qualcosa di congelato. Lei trattiene lui, come il ghiaccio trattiene i rami secchi. Ma quando il ghiaccio si scioglie i rami crollano e lei è stata brava perché al momento giusto ha avuto la forza di dire basta al dolore del marito e un’altra volta si è fidata di me lasciandomi mettere quel cerotto mai voluto prima.

È stata brava ed è riuscita a dire addio con amore all’uomo che l’ha accompagnata una vita.

Grazie per quello che mi avete lasciato osservare!

Condividilo!
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Di |2016-10-26T19:22:33+00:001 Set 2016|Categorie: Infermieri, Racconti|Tags: , |0 Commenti

Info sull'autore:

Infermiera di cure palliative

Scrivi un commento

Log in

Registrati
Il sito è realizzato e mantenuto grazie
al contributo incondizionato di
FILE | Fondazione Italiana di Leniterapia